Sport per Bambini: il Canottaggio

Orangogo Orangogo Utenti


Grazie a questa mini guida scoprirai cos'è il canottaggio, dall'età per il quale è indicata al come si svolge un allenamento in questo sport per bambini

Il canottaggio è un'attività sportiva che consiste nel muovere un'imbarcazione dotata di remi sfruttando la forza fisica dei vogatori. Le competizioni si chiamano regate e si tengono in primavera ed in estate e sono generalmente gare di velocità. Le gare si disputano su una distanza di 1000 e 1500 metri per le categorie giovanili.

Canottaggio per bambini: per che età è indicato?

È uno sport indicato per bambini dai 6/7 anni di età. A seconda dell'età, i piccoli canottieri vengono suddivisi in categorie:

Allievi A (9-10 anni);

Allievi B (11-12 anni);

Allievi C (13 anni);

Cadetti (14 anni).

Caratteristiche

è uno sport di squadra;

è uno sport di velocità e resistenza;

è uno sport outdoor, si svolge quindi all'aria aperta;

è uno sport aerobico-anaerobico massivo, si alternano cioè movimenti intensi della durata di pochi minuti e movimenti  più lenti e prolungati.

I fondamentali e le regole

L'obiettivo del regolamento è quello di avvicinare i bambini al canottaggio attraverso l'attività ludica e di gioco-sport con un approccio alla disciplina remiera graduale e intelligente, propedeutica all'agonismo.

I bambini di 6/7 anni possono solo svolgere l'attività di "minicanottaggio" con le caratteristiche e le limitazioni di seguito riportate:

Può essere svolta sia indoor (aule, palestre, piscina) che all’aperto e su specchi d’acqua;

Sono previste delle attività fuori dall'acqua, come per esempio attività ludico-motorie volte a sviluppare la presa di coscienza corporea, giochi con i remi, giochi con l'imbarcazione fuori dall’acqua;

L'attività di minicanottaggio in acqua è consentita con le seguenti caratteristiche:

accertamento della capacità natatoria del bambino;

sorveglianza diretta e continua di una figura professionale di assistente bagnante che vigili per tutta la durata dell'attività in acqua;

obbligo di indossare  i giubbetti di salvataggio;

bacino in condizione d'acqua calma;

barchino di soccorso pronto all'uso.

L'attività in acqua avviene solo su imbarcazioni 7.20 (è in progetto lo studio di una canoa ad hoc per le esigenze corporee dei bambini 6/7 anni);

Si utilizzano remi di tipo Macon;

Si svolgono prevalentemente giochi in acqua con i remi e le imbarcazioni;

Si mira alla conoscenza e realizzazione di semplici manovre di controllo e di avanzamento;

Si praticano giochi volti all'apprendimento del gesto di voga;

Le esibizioni di minicanotaggio possono avvenire solo su imbarcazioni 7.20, su percorsi non superiori a 150 metri e solo in presenza delle misure di sicurezza;

Il campo di regata cambia lunghezza in base alla categoria, ed è largo in modo da garantire 15 m di distanza tra una corsia e l'altra. Per la categoria allievi B (10-11 anni allievi B1, 11-12 anni allievi B2) la distanza di gara è di 1000 metri; per gli allievi C (12-13 anni) e per i cadetti (13-14 anni) la distanza di gara è di 1500 m.

Quali capacità sviluppa il bambino?

 Si sviluppano:

Capacità MOTORIE : migliora l'efficienza di cuore e polmoni, sviluppo armonico del tono muscolare, sviluppa forza, resistenza, elasticità muscolare e flessibilità, coordinazione;

Capacità COGNITIVE:  sviluppa beneficio psicologico, infatti essendo uno sport lento e silenzioso che dona un profondo senso di serenità e distensione, insegna a tollerare la fatica fisica e di saperla gestire nei momenti in cui si presenta in gara;

Capacità SOCIO-RELAZIONALI: si sviluppano sintonia e collaborazione, lavorando perfettamente in sincronia;

Capacità EMOTIVE: consapevolezza delle sensazioni corporee così da potere riconoscere e anticipare eventuali momenti critici durante la gara;

Capacità TECNICHE: padronanza dello strumento remo, acquisizione delle tecniche di voga e acquisizione della familiarità con il mezzo barca.

Abbigliamento e attrezzatura per il canottaggio

L'abbigliamento deve essere aderente, sono da evitare indumenti troppo larghi perché quando si bagnano si appesantiscono e disperdono maggiormente il calore del corpo. Particolare attenzione deve essere prestata  nel periodo invernale, sono quindi consigliabili:

maglia termica a maniche lunghe;

pantaloni lunghi o corti, comunque aderenti e possibilmente in un tessuto acrilico;

nel periodo più freddo è consigliabile utilizzare una muta leggera con maniche e pantalone corto, mentre nelle giornate ventose è utile utilizzare un k-way;

ai piedi si utilizzano delle scarpette da attività acquatiche.

Il periodo estivo invece richiede l'utilizzo di un cappellino per il sole.

Di fondamentale importanza è il giubbino di salvataggio che va sempre indossato per praticare il canottaggio in sicurezza.

Per quanto riguarda l'attrezzatura i bambini devono usare esclusivamente dei remi di tipo Macon. Si tratta del modello più classico ed è stato utilizzato dai vogatori di ogni tempo. È la pala preferita da principianti e semplici amatori per la sua praticità e per migliorare la tecnica di voga.

Le principali caratteristiche sono:

Scanalatura centrale;

Forma a tulipano simmetrica.

L'imbarcazione utilizzata è la 7.20, che è una barca da uno più leggera e corta del singolo tradizionale, usata solitamente da bambini fino all'età di cadetti.

Se si accede alle attività sportive tramite l'iscrizione a Sport Grand Tour, nei due mesi di prova l'occorrente tecnico (come per esempio la tavola o la muta) o di sicurezza (come per esempio il giubbino di salvataggio) sarà fornito dalla Società sportiva. Qualora non venisse fornito gratuitamente dalla struttura, questa eccezione è segnalata nella scheda della società, online su www.sportgrandtour.it

Come si svolge un allenamento?

L'allenamento prevede delle attività fuori dall'acqua:

attività ludico-motorie volte a sviluppare la presa di coscienza corporea;

giochi con i remi;

giochi con l'imbarcazione fuori dall’acqua sia su uno specchio d'acqua che in palestra.

Per l'allenamento indoor si ricorre all'uso del remoergometro, che riproduce piuttosto fedelmente il gesto che il canottiere compie in barca, con la naturale differenza della diversa sensibilità: in barca l'atleta poggia su un mezzo liquido, mentre sul remoergometro è saldamente poggiato a terra. Questo attrezzo permette di allenarsi in modo piuttosto verosimile.

Parallelamente alle attività indoor, si svolgono anche delle attività nell'acqua:

giochi in acqua con i remi e le imbarcazioni;

conoscenza e realizzazione di semplici manovre di controllo e di avanzamento;

giochi volti all'apprendimento del gesto di voga.

Praticando il canottaggio, si impara che si è tutti sulla stessa barca, nel vero senso della parola! E allora che aspettiamo a far provare ai bambini questo sport?

Grazie alla Federazione Italiana Canottaggio per le informazioni fornite per la redazione dell'articolo.

Vuoi essere aggiornato su articoli di tuo interesse?

Scegli i tuoi contenuti preferiti:

Post che potrebbero interessarti

Marco Melli: a Parma, la scherma è davvero per tutti.

La guida per sapere cos'è il canottaggio, scopri questo sport e consiglialo ai tuoi bam...

Francesco Esposito Francesco Esposito

Come diventare Istruttori di Nuoto: Orangogo ti aiuta a scoprilo

La guida per sapere cos'è il canottaggio, scopri questo sport e consiglialo ai tuoi bam...

Francesco Esposito Francesco Esposito

Paolo Castagnini: da Trento agli USA, sulle ali del Baseball

La guida per sapere cos'è il canottaggio, scopri questo sport e consiglialo ai tuoi bam...

Francesco Esposito Francesco Esposito