"I'm Possible": La Mole incontra Ian Sagar

Orangogo Orangogo Sportivi

Il progetto Adaptive Academy, è un progetto all'insegna dell' inclusività, per il quale la Mole Sport Academy si impegna a promuovere la cultura dello sport, ampliando gli orizzonti anche degli atleti che vengono da fuori. La forza mentale è stato il punto centrale dell'evento del 4 maggio " I'm possible" presentato da Fabrizio Alemanno di H3.0 Water. La figura di spicco e protagonista dell'evento è stato il pluricampione inglese Ian Sagar.

Il suo intervento è stato moderato da Andrea De Beni, che ha voluto affrontare per primo il tema del cambiamento nella vita di Ian avvenuto a 17 anni, dopo il suo incidente in motorino. La sua vita da lui definita "normale e programmata" è totalmente cambiata, sicuramente diventata molto più difficile sia a livello fisico che  mentale. La forza iniziale di reagire è scaturita per non vedere più soffrire sua mamma. Le opzioni, afferma Ian, erano due: poteva lasciarsi andare e deprimersi, oppure vedere il più piccolo gesto come una sfida eccitante. Ha iniziato a reagire usando i muscoli e soprattutto la mente. I suoi amici lo hanno sempre trattato come se nulla fosse successo, questo lo ha aiutato ancora di più a rafforzarsi. Quando gli è stato chiesto se cambierebbe mai la sua vita per una dove la disabilità non ci fosse mai stata, lui non esita a rispondere. Non la cambierebbe mai perché, quella che si è creato, è una vita ricca di esperienze e di soddisfazioni

Il basket in carrozzina lo ha scoperto in ospedale e, appena ha potuto, ha iniziato a giocare. Durante i primi allenamenti, si è reso conto che quello della disabilità era un argomento libero e non percepito come un ostacolo, anzi. Ha sempre trovato una soluzione alternativa: "Ogni volta che mi dicono che non ce la posso fare, io provo a fare il doppio" . L'unica differenza tra un essere umano e l'altro, continua Ian, non è la presenza o meno di disabilità ma la voglia di fare. 

L'espressione di forza liberatrice dello sport è stata poi spiegata da Ian, indica la libertà di provare sempre,fallire e riuscire in continuazione, non avendo paura di niente. Questa forza permetterà di ampliare la propria comfort-zone. La possibilità di migliorarsi non finisce mai, ci vogliono coraggio e determinazione insieme alla volontà di fare dei sacrifici. 

L'incontro è stato guidato dalla lettura di alcuni passaggi del libro di Sagar e Alessandro Camagni "Le mie vite in gioco". I valori dell'inclusività e della diversità sono, grazie a questi eventi, trasmessi in modo chiaro e semplice, grazie alla condivisione di esperienze di sportivi che non sono eroi ma persone piene di voglia di fare. 

Vuoi essere aggiornato su articoli di tuo interesse?

Scegli i tuoi contenuti preferiti:

Post che potrebbero interessarti

Bodybuilding Femminile: Sfatiamo i pregiudizi!

Il Natural Body Building è uno stile di vita sano che cerca di tirare fuori il meglio d...

Calarco Martina Calarco Martina

Il Basket Femminile in PMS!

L'associazione PMS Basketball ha deciso di dare un forte valore alla squadra di basket ...

Calarco Martina Calarco Martina

Sci di fondo: 6 buoni motivi per iniziare

Se ami sentirti libero e gli spazi aperti scopri cos'è lo sci di fondo e i buoni motivi...

Calarco Martina Calarco Martina